Biotecnologie. Applicazioni, rischi e benefici.

  • Stampa

ORGANIZZAZIONEAssociazione "Unicorno - L'Altrascuola"

PARTECIPANTIIl corso è rivolto ai docenti delle scuole secondarie di 1° e 2° grado che, nel limite della capienza dei corsi, ne facciano richiesta.

CONTENUTI E FINALITA'

La corsa allo sviluppo delle biotecnologie sia nel campo della biomedicina che dell'agricoltura è caratterizzata da tempi sempre più rapidi e dall'uso di linguaggi specialistici, che tendono ad escludere i più dalla comprensione delle problematiche derivanti dal loro uso; da questa carenza di informazione scaturisce una realtà di totale mancanza di controllo sociale sulle loro finalità, nonché sul loro impatto ambientale e culturale, con la tendenza a delegarne la gestione ai cosiddetti "addetti ai lavori". Il corso, rivolto ai docenti di biologia delle scuole medie di 1° e 2° grado, si prefigge lo scopo di proporre ai docenti un momento di approfondimento sulle problematiche più attuali poste dallo sviluppo biotecnologico nonchè sulle loro implicazioni di carattere bioetico, con l'obiettivo di avvicinare i ragazzi alla loro conoscenza ed all'acquisizione di un punto di vista consapevole e critico in materia. Durante i sei incontri nei quali il corso è strutturato, verrà fornita una visione d'insieme sulle moderne biotecnologie e sulle loro applicazioni nel campo biomedico ed industriale, con un costante riferimento alla loro ricaduta ambientale in termini di rapporto rischi-benefici

ARTICOLAZIONE

Il corso si articolerà in 6 incontri pomeridiani di 2 ore e trenta minuti ciascuno, in date ancora da definire, per un totale di 15 ore, da tenersi nel periodo gennaio-marzo 2004 presso l'Associazione culturale l'Altrascuola, Via Conegliano 13, secondo il seguente calendario:

L'informazione genetica.
Dal progetto genoma umano all'era post-genomica (proteomica). Farmacogenomica. Test genetici. Implicazioni etiche.
La grande scommessa.
Breve excursus storico della manipolazione genica. Dal regno vegetale, a quello animale a quello umano. Clonazione - cellule staminali - Terapia genica.
La logica dei pezzi di ricambio.
Xenotrapianti. Organi di ricambio. Organi artificiali. Organi e tessuti in vitro. Uso di cellule staminali.
La natura come laboratorio: gli Organismi Geneticamente Modificati.-I
Applicazioni in campo biomedico.
La natura come laboratorio: gli Organismi Geneticamente Modificati.-II
Applicazioni in campo agricolo. Rischi inerenti il rilascio ambientale di OGM. Problematiche inerenti la commercializzazione di OGM. Legislazione
Tra logica del profitto e tutela della salute.
Salvaguardia della biodiversità. Il dibattito culturale sulle moderne biotecnologie. Dal concetto di geni utili e geni dannosi ad un nuovo rischio eugenetico. Normativa relativa alla brevettabilità dei viventi e dei loro geni.
RELATORE E DIRETTORE DEL CORSODr.ssa Alessandra Argiolas, Biologo ricercatore, Biotecnologo.

FINANZIAMENTOOgni corsista dovrà versare la quota di euro 35, che servirà anche a coprire le spese di duplicazione del materiale che gli verrà fornito. Per gli iscritti al sindacato Unicobas scuola è previsto uno sconto del 25% sulla quota d'iscrizione al corso.

E' possibile effettuare le iscrizioni presso l'associazione culturale l'Altrascuola (tel. e fax 7020209/70302626) dal lunedì al venerdì dalle ore 10.30 alle ore12.30 e dalle ore 16.30 alle ore 19.30.
L'Associazione rientra in quelle qualificate in via definitiva dal Ministero dell'Istruzione (D.M. 177/2000) ed il corso è rimborsabile, previa richiesta al Dirigente Scolastico, in base alla Direttiva n.° 70 del 17.6.2002 (Ministero dell'Istruzione).